Le stories - contenuti che non si dimenticano

Le Stories: contenuti effimeri che non si dimenticano

Le Stories ormai sono diventate parte della quotidianità sui social, soprattutto per il segmento più giovane della generazione millenial e per tutta la generazione Z. Giovani per cui Facebook è rimasto antiquato e noioso e che trovano nelle Stories autenticità e modernità.

Per questo motivo, anche le aziende devono capire come usare le Stories e gli investimenti da fare per crearle. Le Stories sono uno strumento molto potente par fare business, ma allo stesso tempo sono quelle più complicate per le aziende; è importante un lavoro quotidiano davanti e dietro alla fotocamera.

Due sono le cose che dobbiamo sempre tenere a mente per pubblicare delle Stories efficaci:

-l’importanza del momento

-contenuti effimeri, ma se buoni non si dimenticano

Oggi vedremo brevemente 2 obiettivi che un’azienda può raggiungere con le Stories così da poter iniziare (oppure migliorare) il lavoro con questo strumento 😉

Snapchat, Instagram Stories o Facebook Stories

Prima di continuare, fermiamoci un attimo e affrontiamo il problema che assale ogni azienda quando sente parlare di Stories: Snapchat, Instagram o Facebook?!

Sarebbe bello se ci dicessero di puntare tutto sul rosso e che questo sarà il colore vincente, ma il futuro è ignoto e solo il tempo ci dirà se la scelta migliore era il rosso, il nero o tutte e due. Nel frattempo però l’analisi delle diverse piattaforme e della nostra azienda, ci permetterà di fare la nostra puntata.

Anzi, negli ultimi tempi,  molti stanno ignorando Snapchat ma in realtà i continui articoli che lo danno per morto, hanno creato un terreno molto fertile per tutte quelle aziende che invece hanno continuato ad usarlo, capendone le debolezze e potenzialità (qui un articolo che avevo scritto al riguardo).

Quindi prima di buttarci nel mare delle Stories dobbiamo fare un analisi per capire cosa può fare la nostra azienda con loro, che obiettivi vuole raggiungere (e può raggiungere) e su quale delle 3 piattaforme è più presente e attivo il nostro target .

Ora proseguiamo subito con i nostri 2 obiettivi…

      1.Brand Awareness: creare qualcosa di unico con giochi, contest e nuovi prodotti.

Non possiamo parlare delle Stories senza parlare della nostra Brand Awareness. Grazie alle Stories noi abbiamo la possibilità di creare un forte engagement con i nostri follower, riuscendo ad aumentare la nostra brand awareness in una maniera veloce ed efficace.

Tra le possibilità che abbiamo per raggiungere questo obiettivo, ce ne sono tre molto apprezzate:

I contest e i giochi: formati molto richieste perché sono interattivi e permettono agli utenti sentirsi parte della nostra azienda. Inoltre la velocità e  semplicità d’uso rispondono perfettamente alle esigenze degli utenti giovani quando si trovano sui social. Sono un ottimo elemento per coinvolgere i nostri follower e dar loro buoni motivi per continuare a seguire il nostro account.

 

La presentazione di nuovi prodotti, soprattutto in anteprima: la conoscenza di nuovi prodotti tramite una comunicazione semplice, e allo stesso tempo divertente, permette di raggiungere un livello di fidelizzazione molto alto tra gli utenti.

 

Forbes Snapchat - Dietro le quinte Le Stories
Forbes Snapchat – Dietro le quinte

 

Qualsiasi sia il nostro settore, abbiamo di sicuro un dietro le quinte da raccontare. Le Stories sono la piattaforma ideale per questo tipo di comunicazione, qui riusciremo a mostrare la parte più umana del nostro brand. Ed è quest’immagine, mentre lavoriamo a un prodotto nuovo oppure mentre prepariamo un evento, che rende unica la nostra comunicazione. Sarà questo stesso obiettivo ad avvicinarci ai nostri follower e creare con loro un coinvolgimento più personale.

      2.Un Costumer Care originale e coinvolgente.

Qualsiasi attività economica deve tenere sempre conto del costumer care, senza il quale non possiamo parlare di fidelizzazione e soddisfazione dei nostri clienti. Uno dei punti di forza di una strategia con le Stories è che i nostri utenti si sentano liberi di parlare con noi tramite le chat, per 2 motivi molto importanti:

La possibilità di un costumer care completamente privato, in cui rispondiamo a qualsiasi lamentale o problema con la sicurezza di stare in una conversazione privata. Questo lo possiamo fare grazie alle chat, che rimangano private come si stessimo su messenger, ma dando ai nostri utenti la sensazione di essere sempre presenti e attenti ai loro bisogni. Questo lavoro funziona particolarmente bene su Snapchat, grazie a una chat molto intuitiva, veloce e con una base utenti abituata a interagire con le Stories.

 

I tutorial: stories veloci e chiare, ci permettono di raccontare i nostri prodotti, come usarli, i segreti e anche farli usare da alcuni influencer. Questo format è molto seguito. Coinvolge i nostri utenti e rafforza notevolmente il passaparola del nostro brand. Impossibile non menzionare l’account Maybelline New York, sia su Instagram che su Snapchat, con una strategia perfetta di tutorial pianificati e sempre nuovi.

Le Stories - Tutorial e maybelline

 

Siete pronti per sbarcare sul mondo delle Stories?

Se ancora avete dubbi o volete approfondire l’uso  per i vostri brand, potete contattarmi per una consulenza, un corso oppure per preparare una strategia a doc per iniziare insieme la vostra navigazione sulle Stories 😉